[google90b38444bd13ffe9.html]

La Terra di Mezzo


Vai ai contenuti

Menu principale:


Nativi Americani

NATIVI



Non vi è modo migliore di aprire questa pagina dedicata al popolo nativo americano. Il nostro percorso che li riguarda è fatto di ammirazione, di rispetto e di condivisione. Tutto ciò che troverete qui giunge dalle riserve. Le sculture di J.C.Challenger sono ispirate ai suoi meravigliosi, quotatissimi dipinti che riprendono le fattezze e i fieri sguardi proprio dei Ghost Dancer, di coloro che conoscono la sacralità della Terra. Non ci sono commenti o sottolineature necessarie. Ciò che palesa la verità sulla dignità, il coraggio, la profetica visione dell'azione sconsiderata dell'uomo bianco "civilizzatore e civilizzato", l'immenso amore per il Creato è nelle parole, nelle preghiere, nelle ballate che sono giunte sino a noi.


LETTERA DI CAPO INDIANO SEATHL, DELLA TRIBÙ' DI DUWAMISH, AL PRESIDENTE USA F. PIERCE (1855).
Il grande capo di Washington ci ha mandato a dire che desidera comprare la nostra terra: ci ha assicurato anche la sua amicizia e la sua benevolenza. Ciò è gentile da parte sua, poiché sappiamo che la nostra amicizia non gli è necessaria. Tuttavia, se non accetteremo, l'uomo bianco verrà con le armi e ci strapperà la nostra terra.
Come puoi comprare o vendere il cielo, il calore della terra? Questa possibilità ci è estranea. Noi non siamo i padroni della purezza dell'aria o dello splendore dell'acqua. Noi possiamo decidere solo del nostro tempo. Tutta questa terra è sacra per la mia gente.
L'uomo bianco non comprende il nostro modo di vivere. Per lui una zolla di terra è uguale all'altra. Lui è uno straniero che viene di notte e spoglia la terra di tutte le sue ricchezze. La terra non è sua sorella, bensì sua nemica, e dopo averla svuotata, lui se ne va via.
Si lascia dietro di sé la tomba di suo padre, senza rimorso di coscienza. Rapina la terra dei suoi figli. Dimentica le sepolture dei suoi antenati e il diritto dei figli.
Il suo guadagno impoverirà la terra e dietro di sé lascerà il deserto. La vista delle sue città è un tormento agli occhi dell'uomo rosso. Ma forse questo è così perché l'uomo rosso è un selvaggio che non capisce nulla.
Non si può incontrare pace nelle città dell'uomo bianco. Il rumore delle città è un affronto alle orecchie. Che specie di vita è quella in cui l'uomo non può ascoltare la voce del corvo notturno o il chiacchierio delle rane nella palude, durante la notte?
L'aria è preziosa per l'uomo rosso. Non sembra che l'uomo bianco si interessi dell'aria che respira. Come un moribondo, egli è insensibile al cattivo odore.
L'uomo bianco deve trattare gli animali come se fossero suoi fratelli. Ho visto migliaia di bisonti marcire nelle praterie abbandonate dall'uomo bianco, abbattuti da fucilate sparate dal treno in corsa. I bisonti noi li uccidiamo solo per sfamarci.
Se tutti gli animali venissero sterminati, gli uomini morirebbero di solitudine spirituale, perché tutto ciò che succede agli animali può capitare anche agli uomini. Tutte le cose sono poste in relazione tra loro. Tutto ciò che offende la terra, offende anche i figli della terra.
I nostri figli videro i nostri padri umiliati nella sconfitta. I nostri guerrieri soccombono sotto il peso della vergogna. E, dopo la sconfitta, passano il tempo oziando e avvelenando il loro corpo con cibi dolci e bevande alcoliche.
Il nostro Dio è il medesimo Dio dell'uomo bianco. Pensi, per caso, che lo puoi possedere come desideri possedere la nostra terra? Egli è il Dio dell'umanità intera. E ama ugualmente l'uomo rosso come l'uomo bianco. La terra è amata da Lui.
Anche l'uomo bianco va scomparendo dalla faccia della terra, e forse in maniera più rapida delle altre razze. Contamina persino il luogo in cui dorme!
Se accetteremo la tua offerta, è per garantirci le riserve che ci hai promesso. Là forse potremo vivere gli ultimi giorni come desideriamo.

Seguono le sculture dei Ghost Dancer di Challenger ancora a disposizione, la splendida scultura in porcellana "Le Ali della Libertà", piccoli ornament da appendere e il nostro video con delle immagini assai adatte a decorare quadri, poster, mouse pad, cuscini, tazze personalizzabili, per la gioia degli appassionati...


Mi sembra giusto ricordare qui quello che può essere considerato l'ultimo atto di un genocidio.

Massacro di Wounded Knee è il nome con cui è passato alla storia un eccidio di Sioux da parte dell'esercito degli Stati Uniti d'America commesso nel 1890.
In quella data alcune centinaia di seguaci del predicatore Wovoca e praticanti la
danza degli spiriti (Ghost Dance) fuggirono dalla riserva di Pine Ridge (in South Dakota) per raccogliersi intorno al moribondo capo Big Foot.
Circondati dalle truppe del settimo reggimento cavalleggeri armato con le mitragliatrici Hotchkiss, che intendeva riportarli indietro, si arresero, ma l'esercito aprì il fuoco sull'accampamento.
Durante la primavera successiva, quando le condizioni climatiche permisero all'esercito di tornare sul luogo a seppellire i morti in una fossa comune su cui venne poi eretto un monumento ad eterna memoria, se ne contarono 144, di cui 44 donne e 16 bambini.
Alcuni indiani furono portati via il giorno dopo, pietrificati, ed ammassati in una chiesetta addobbata per le feste natalizie ove si poteva leggere la scritta: "Pace agli uomini di buona volontà"
A Wounded Knee, sul cartello verde dove si può leggere la storia del Massacro, è riportata la scritta:
Massacre of Wounded Knee.
Guardando attentamente si nota che la scritta
Massacre è stata aggiunta sopra la vecchia scritta Battle in quanto all'inizio a questa strage venne dato il nome di battaglia di Wounded Knee e, spesso, viene tuttora riportata e ricordata come ultimo scontro armato tra nativi e Governo, anche se, in realtà, non fu così.




CI FU UN TEMPO IN CUI IL NOSTRO POPOLO COPRIVA LA TERRA,
TANTO QUANTO LE ONDE DI UN MARE INCRESPATO DAI VENTI COPRIVANO I FONDALI RICCHI DI CONCHIGLIE. ORA, PERO' QUEL TEMPO E' PASSATO E DA MOLTO. E CON ESSO E' SVANITA ANCHE LA POTENZA E LA FORZA DELLE NOSTRE TRIBU'. OGGI SONO SOLO TRISTI RICORDI
(Seattle)

DA QUANDO SIAMO STATI CONDOTTI IN QUESTA RISERVA, IL MIO POPOLO HA DOVUTO MORIRE DI FAME. TU NON PUOI PIU' MINACCIARE SOLO CON LA PAURA DELLA FAME. IERI HO VISTO BAMBINI DISPERATI CHE MANGIAVANO ERBA. VUOI PORTARE VIA ANCHE L'ERBA DA MANGIARE A QUESTI BAMBINI? (Piccolo Lupo)

CHE COS'E' LA VITA? LO SFAVILLARE DI UNA LUCCIOLA NELLA NOTTE,IL RESPIRO SBUFFANTE DI UN BISONTE NELL'INVERNO, LA BREVE OMBRA CHE SCORRE SOPRA L'ERBA E SI PERDE DENTRO IL SOLE
(Piede di Corvo)

LUNGO IL CAMMINO DELLA VOSTRA VITA FATE IN MODO DI NON PRIVARE GLI ALTRI DELLA FELICITA'. EVITATE DI DARE DISPIACERI AI VOSTRI SIMILI, MA AL CONTRARIO, VEDETE DI PROCURARE LORO GIOIA OGNI VOLTA CHE POTETE!
(Proverbio Sioux)

NON CONOSCO ALCUNA SPECIE DI PIANTA, UCCELLO O ANIMALE CHE NON SI SIA ESTINTA DOPO L'ARRIVO DELL'UOMO BIANCO. L'UOMO BIANCO CONSIDERA LA VITA NATURALE DEGLI ANIMALI COME QUELLA DEL NATIVO SU QUESTO CONTINENTE: COME UN FASTIDIO. NON C'E' ALCUN TERMINE NELLA NOSTRA LINGUA CON IL SIGNIFICATO DI "FASTIDIO"
(Orso in piedi)

QUANDO AL MATTINO TI SVEGLI, RINGRAZIA IL TUO DIO PER LA LUCE DELL'AURORA, PER LA VITA CHE TI HA DATO E PER LA FORZA CHE RITROVI NEL TUO CORPO. RINGRAZIA IL TUO DIO ANCHE PER IL CIBO CHE TI DA' E PER LA GIOIA DELLA VITA. SE NON TROVI UN MOTIVO PER ELEVARE UNA PREGHIERA DI RINGRAZIAMENTO, ALLORA VUOL DIRE CHE SEI IN ERRORE
(Tecumseh)


Potrete sempre contattarci tramite mail:
allaterradimezzo@gmail.com


Menu di sezione:


Torna ai contenuti | Torna al menu